Il Territorio

Fasano e i suoi dintorni

LEGAMBIENTE, FASANO SI AGGIUDICA LE 5 VELE DI GUIDA BLU 2020

Legambiente e Touring Club Italiano assegnano nuovamente alla città di Fasano le ambite 5 Vele di Guida Blu, riconosciute alle località marinare più belle, pulite e funzionali. Nel 2020, Fasano si riconferma ancora una volta fra le 12 località turistiche pugliesi che si distinguono sul territorio regionale per la qualità delle acque marine, per l’efficacia […]

Virtual Restoration Experience in Lama D’Antico

Il giorno 7 agosto 2019 è stato inaugurato il progetto di restauro virtuale della Chiesa del Parco Rupestre di Lama D’ Antico in contrada Sarzano, fra Fasano e Savelletri.  “Il mondo antico nel mondo moderno” – ha esordito il critico d’arte Vittorio Sgarbi alla presentazione del piano di lavoro artistico che vedeva impegnate le diverse […]

Workshop per la definizione del progetto “La città che parla”

Il giorno 13.08.2019 si è svolto nella sala di Rappresentanza del Comune di Fasano il workshop di definizione del progetto “La città che parla”. Si tratta della presentazione di un sistema altamente innovativo per il settore turistico che renderà più fruibile ed accessibile il patrimonio culturale attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie. Il progetto, ideato dal […]

Fasano, come molti paesi del meridione d’Italia, è caratterizzato dal suo centro storico chiamato “l’Umbracchie”- l’Ombra – dove si susseguono viuzze, case tinteggiate a calce, piccoli archi e piazzette.
Delle antiche mura è visibile ancora oggi un torrione in via San Francesco, che un tempo era uno degli accessi alla città.
Nel cuore della parte più antica si possono ammirare il Museo della Casa alla Fasanese e la chiesa Matrice, risalente al XVII sec., dedicata a San Giovanni Battista. L’imponente facciata tardo-rinascimentale, recentemente restaurata, ha un bellissimo rosone intagliato nella pietra. L’interno di questa imponente chiesa suddivisa in tre navate, manomesso negli anni ’70, conserva ancora altari barocchi con alcuni affreschi dipinti da artisti di diverse scuole, da Venezia a Napoli.
Fuori le mura, in corso Vittorio Emanuele, fu edificata nel 1669 la bellissima chiesa barocca del Purgatorio, all’interno della quale sono da ammirare l’altare maggiore in marmi policromi e pietre dure di maestranze napoletane e il suo crocifisso in legno della fine del XVI sec.
Altro antico accesso al centro storico è l’attuale via del Balì, al cui ingresso una storica lapide ricorda la vittoria dei fasanesi sui turchi del 2 giugno 1678. Proseguendo sulla destra si incontra l’Arco del Cavaliere che immetteva nel cortile del Palazzo Baliale. Si possono ancora ritrovare tracce dell’antica costruzione, ristrutturata nel 1800, dove oggi vi è il Palazzo del Municipio, sulla grande piazza dedicata al martire e poeta Ignazio Ciaia. Percorrendo i due corsi principali della città, che si dipartono dalla piazza, si possono ammirare bellissimi palazzi del XVIII e XIX sec.